info@4profit.it

Superbonus 110%: Cosa si può fare davvero?

Superbonus 110%: Cosa si può fare davvero?

La conversione in legge del Decreto Rilancio consente la possibilità di beneficiare di Ecobonus e Sismabonus maggiorati al 110%, fino al 31 dicembre 2021. Cosa si può fare?

Con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale (18 luglio 2020) della legge di conversione del Decreto Rilancio (legge 77/2020, di conversione del DL 34/2020) il Superbonus 110% diventa definitivamente operativo. L’art. 119 del Decreto Rilancio ha definito infatti gli interventi, le condizioni di accesso, i beneficiari e le condizioni per la cessione del credito e per lo sconto in fattura relativi alle detrazioni fiscali potenziate al 110% (c.d. Superbonus) relative agli interventi di riqualificazione energetica (Ecobonus) e miglioramento sismico (Sismabonus), oltre che per l’istallazione di impianti fotovoltaici e sistemi di accumulo.

Ma cosa possiamo effettivamente fare da subito, in attesa della pubblicazione degli ultimi documenti attuativi da parte dell’Agenzia delle Entrate e del MISE?

Superbonus: Servono circolare del Fisco, decreto prezzi e decreto del MISE, ma si può già iniziare

Per la piena operatività servono tre documenti ancora non pubblicati:

  • Le disposizioni attuative dell’Agenzia delle Entrate (circolare);
  • Il decreto interministeriale sui tetti di spesa e i massimali di costo degli interventi (cd. decreto prezzi), su cui i professionisti dovranno basarsi per il rilascio delle asseverazioni;
  • Un decreto del Ministro dello sviluppo economico, da emanare entro 30 giorni dalla data di entrata in vigore della legge di conversione del decreto Rilancio (17 agosto), che stabilirà le modalità attuative e di trasmissione dell’asseverazione dei requisiti previsti dai decreti di cui al comma 3-ter dell’art. 14 del DL 63/2013 e la corrispondente congruità delle spese sostenute per gli interventi agevolati.

Per l’Ecobonus e il Sismabonus potenziati al 110%, il decreto Rilancio parla di “spese documentate e rimaste a carico del contribuente, sostenute dall’1 luglio 2020 fino al 31 dicembre 2021“.

Le detrazioni potenziate saranno in vigore fino al 31 dicembre 2021 (30 giugno 2022 per gli edifici di edilizia sociale).

Superbonus: I beneficiari

Potranno beneficiarne:

  • Condomìni;
  • Persone fisiche al di fuori dell’esercizio di attività di impresa, arti e professioni;
  • Istituti autonomi case popolari (IACP) comunque denominati;
  • Cooperative di abitazione a proprietà indivisa, onlus, associazioni di volontariato e associazioni e società sportive dilettantistiche (ASD), solo per lavori sugli spogliatoi.

Le agevolazioni per la riqualificazione energetica degli edifici si applicano agli interventi effettuati dalle persone fisiche, al di fuori dell’esercizio di attività di impresa, arti e professioni, per gli interventi realizzati sul numero massimo di due unità immobiliari, fermo restando il riconoscimento delle detrazioni per gli interventi effettuati sulle parti comuni dell’edificio.

Quindi, riepilogando:

  • Prime case e seconde case in condominio hanno diritto al superbonus del 110% per interventi antisismici e di riqualificazione energetica;
  • Prime e seconde case unifamiliari hanno diritto al superbonus del 110% per interventi antisismici e di riqualificazione energetica;
  • La detrazione non si applica alle unità immobiliari appartenenti alle categorie catastali A1, A8 e A9 (abitazioni di tipo signorile, ville e castelli ovvero palazzi di eminenti pregi artistici o storici).

Come usufruire del Superbonus 110

Queste le possibilità per usufruire del bonus:

  • Utilizzo per sé del credito d’imposta e quindi, per esempio, se ha fatto lavori per 20mila euro disporrà di un credito di 22mila euro e potrà pagare per 5 anni 4.400 euro di tasse in meno;
  • Trasferimento del credito (cessione) alla ditta che ha eseguito i lavori, che lo userà a sua volta per incassarlo subito trasferendolo a un’impresa più grande o a una banca, oppure lo terrà per sé per pagare meno tasse. Se, invece, l’impresa non volesse accettare il credito corrispondente, il privato potrà girarlo ad una banca.

I professionisti sono chiamati a rilasciare le attestazioni e obbligati a stipulare una polizza di assicurazione della responsabilità civile, con massimale adeguato al numero delle attestazioni o asseverazioni rilasciate e agli importi degli interventi oggetto delle predette attestazioni: il fine ultimo è quello di garantire ai propri clienti (e al bilancio dello Stato) il risarcimento dei danni eventualmente provocati dall’attività prestata.

Riepilogo degli emendamenti approvati

Superbonus: Isolamento termico

Il Superbonus sull’isolamento termico sarà riconosciuto anche alle superfici opache inclinate, non solo a quelle orizzontali e verticali. In questo modo, i lavori di coibentazione potranno riguardare tutte le tipologie di tetti.

Per la sostituzione degli impianti di climatizzazione invernale in condominio, potranno essere utilizzati, oltre agli impianti centralizzati a condensazione, pompa di calore e microcogenerazione, anche gli impianti a collettori solari. Solo nei Comuni montani, sarà incentivato l’allaccio a sistemi di teleriscaldamento efficiente.

Superbonus: Immobili vincolati

Negli immobili vincolati o in quelli in cui i regolamenti edilizi, urbanistici e ambientali impediscono la coibentazione e/o la sostituzione degli impianti di climatizzazione invernale, sarà incentivato con la detrazione fiscale al 110% qualunque intervento di efficientamento energetico in grado di produrre un miglioramento della prestazione energetica di due classi o, se impossibile, il raggiungimento della classe energetica più alta.

Superbonus: Fotovoltaico e Colonnine di ricarica

Per ottenere il Superbonus sull’installazione di impianti solari fotovoltaici connessi alla rete elettrica e di sistemi di accumulo integrati negli impianti solari fotovoltaici, l’energia non autoconsumata in sito deve essere ceduta al GSE. Si chiarisce che il termine “energia autoconsumata” deve ritenersi equivalente al termine “energia condivisa” contenuto nel DL 162/2019, che ha recepito la Direttiva 2018/2001/UE. Le due espressioni indicano un autoconsumo istantaneo dell’energia prodotta dall’impianto alimentato da fonti rinnovabili. L’ammontare complessivo dell’impianto non dovrà essere superiore a 48.000€ e comunque nel limite di spesa di 2.400 € per ogni kW di potenza nominale. E’ ammessa anche l’installazione contestuale o successiva di sistemi di accumulo integrati negli impianti solari fotovoltaici alle stesse condizioni e limiti di importo dell’impianto fotovoltaico e comunque nel limite di spesa di 1.000 € per ogni kWh di capacità di accumulo. Infine, rientra nel Superbonus 110 anche l’installazione di infrastrutture per la ricarica di veicoli elettrici negli edifici.

Superbonus: Scendono i tetti di spesa

Se aumenta il perimetro, si restringono i tetti di spesa.

Gli interventi di installazione del cappotto termico avranno tetti di spesa più bassi e differenziati in base alla tipologia degli edifici. Così: dai 60 mila euro inizialmente previsti per ogni unità immobiliare, si passerà a:

  • 50mila euro per gli edifici unifamiliari;
  • 40mila euro per i condomìni fino a otto unità immobiliari;
  • 30mila euro per quelli più grandI;
  • 20mila euro per interventi di sostituzione degli impianti di climatizzazione invernale con impianti centrali a condensazione, a pompa di calore, di microcogenerazione o a collettori solari, moltiplicato per il numero di  unità immobiliari che compongono l’edificio, nei condomìni fino a otto unità immobiliari;
  • 15mila euro per interventi di sostituzione degli impianti di climatizzazione invernale con impianti centrali a condensazione, a pompa di calore, di microcogenerazione o a collettori solari, moltiplicato per il numero di  unità immobiliari che compongono l’edificio, nei condomìni con più di otto unità immobiliari.

Questi importi devono essere moltiplicati per il numero delle unità immobiliari che compongono l’edificio. Per la realizzazione degli interventi devono essere utilizzati materiali isolanti che rispettino i Criteri ambientali minimi (CAM) fisati con il DM 11 ottobre 2017.

Superbonus: Le asseverazioni dei professionisti

  • Le asseverazioni attestanti i requisiti tecnici dei progetti devono essere rilasciate dai tecnici al termine dei lavori o per ogni stato di avanzamento dei lavori;
  • I SAL (stato di avanzamento lavori) entrano anche tra i criteri per ottenere il credito di imposta;
  • Per attestare la congruità delle spese si dovrà fare riferimento ai prezziari che il Mise dovrà definire con un decreto. Fino ad allora, si utilizzeranno i prezzari regionali, i listini ufficiali o locali delle Camere di Commercio o i prezzi di mercato del luogo in cui si effettuano i lavori.

Superbonus: Affidarsi a professionisti esperti

Le operazioni progettuali e di fattibilità vanno affidate a professionisti esperti in ristrutturazioni condominiali, detrazioni fiscali e termica degli edifici, non a chiunque.

Noi di 4Profit Consulting, abbiamo già costruito una filiera solida e organizzata che punta all’eccellenza nella gestione del meccanismo dell’Ecobonus 110% grazie ad accordi esclusivi con un General Contractor estremamente affidabile, studi di Progettazione accreditati, Imprese Edili abilitate, Studi Legali e Tributari specializzati e solidi Fondi di investimento per finanziare interamente i lavori, con i quali abbiamo sottoscritto accordi per usufruire di un budget scontabile, superiore ai 4 MILIARDI di Euro.

E’ questo il momento di fare una valutazione seria, obiettiva e a prova di errore, su eventuali progetti di riqualificazione degli stabili.

Godere dei Bonus al 110% senza anticipare soldi è possibile, ma gestire correttamente tutti gli aspetti, fiscali, burocratici e tecnici, significa muoversi in un campo minato. Per questo è fondamentale affidarsi a veri professionisti qualificati e non a cialtroni improvvisati.

Se desideri ricevere gratuitamente una Diagnosi Energetica sui fabbricati, con un progetto di pre fattibilità, SCARICA IL MODULO, compilalo e segui le istruzioni di invio. Ti contatteremo per fornirti tutte le informazioni di cui avrai bisogno.

Digiprove sealCopyright protected by Digiprove © 2020
Condividi

 

Nessun commento

Aggiungi il tuo commento